FESTIVAL NUOVO CINEMA EUROPA

Genova 21-27 novembre 7*edizione 

The Space Cinema Teatro Altrove

 

Dal 21 al 27 novembre si è tenuto a Genova il festival che porta in Italia i nuovi nomi del cinema europeo.

Regia e sceneggiatura protagoniste della settima edizione.

 

Domenica 27 novembre si è chiusa a Genova la settima del FESTIVAL NUOVO CINEMA EUROPA, appuntamento internazionale finalizzato a promuovere in Italia i nuovi talenti del cinema europeo. L'evento, sostenuto dal Comune di Genova, è diretto e coordinato da Angela Ferrari, curato dall'associazione culturale Profondità di Campo, organizzato con gli Istituti di Cultura Europei e la collaborazione dell'Università degli Studi di Genova.

Tutti i film sono stati proiettati in lingua originale, sottotitolati in italiano. Le proiezioni si sono tenute al The Space Cinema da lunedì 21 a giovedì 24 alle ore 19.00 e alle ore 21.00, per un totale di 8 lungometraggi e 8 paesi europei rappresentati.

Il programma della settima edizione si è articolato in due sezioni, per offrire al tempo stesso una panoramica europea e un approfondimento su un particolare aspetto della cinematografia di uno dei paesi partecipanti.

Per la sezione centrale FILM EUROPEI IN CONCORSO, dedicata alla regia e ai registi esordienti, è stata presentata una selezione di opere prime che hanno partecipato con successo ad alcuni importanti festival internazionali. I film hanno concorso al Premio della Giuria e al Premio del Pubblico, chiamato a votare al termine delle proiezioni. Quattro i titoli in gara: “BABAI” di Visar Morina (Germania/Kosovo/Macedonia/Francia 2015, candidato agli Oscar 2016), “BROOKLYN” di Pascal Tessaud (Francia 2014, presentato al Festival di Cannes nella sezione ACID), “MURDEROUS TALES” (Le storie mortali) di Jan Bubeníček (Repubblica Ceca/Slovacchia 2016), “EINER VON UNS” (Uno di noi) di Stephan Richter (Austria 2015). La sezione dei film in concorso è stata curata da: Alliance Française Galliera de Gênes, Institut Français Italia, Centro Culturale Ceco, Centro Culturale Italo-Austriaco, Forum Austriaco di Cultura di Milano e Roma, Goethe-Institut Genua. Collabora l'Università degli Studi di Genova.

Per la sezione di approfondimento si è invece tenuto un FOCUS SUL CINEMA SPAGNOLO, dedicato alla sceneggiatura, ai nuovi sceneggiatori e agli elementi di innovazione introdotti in ambito audiovisivo. Quattro i film in calendario: “EL PERDIDO” di Christophe Farnarier (Spagna/Francia 2016), “GAME OVER” di Alba Sotorra (Spagna/Germania 2015), “EVA” di Kike Maíllo (Spagna/Francia 2011), “AFTER” di Alberto Rodríguez (Spagna 2011).  Il focus sul cinema spagnolo è stato curato dalla Fundación SGAE e dall'Instituto Cervantes di Milano.

Ogni giorno è stato presentato un lungometraggio per la sezione dei film in concorso e uno del focus sul cinema spagnolo.

Grazie ai dibattiti che ogni anno accompagnano le proiezioni, il festival si presenta anche come un'occasione unica di confronto e dialogo tra il pubblico italiano e i nuovi protagonisti della scena cinematografica continentale. Per la sezione dei film europei si è tenuto il dibattito con Arash T. Riahi, produttore del film austriaco “EINER VON UNS”, nonché regista vincitore della prima edizione del festival. Per il focus sul cinema spagnolo è stata invece presente Aintza Serra, sceneggiatrice del film “EVA”. Ha moderato Antonio Lavarello.

La settima edizione si è conclusa domenica 27 novembre all’ALTROVE | Teatro della Maddalena (Piazzetta Cambiaso 1). Alle ore 18.30 si sono tenuti la PROCLAMAZIONE DEI FILM VINCITORIIL MEGLIO DEI CORTI EUROPEI, una selezione di cortometraggi a cura di Magma – Mostra di Cinema Breve, presentata in collaborazione con ALTROVE e Laboratorio Probabile Bellamy.  Alle ore 21.00 è stato proiettato il film che si è aggiudicato il PREMIO DEL PUBBLICO, ovvero MURDEROUS TALES (Le storie mortali) di Jan Bubeníček. Il PREMIO DELLA GIURIA, quest’anno tutta al femminile e composta da Carla Grippa (regista e operatrice cinematografica), Fernanda Ramondo (regista e sceneggiatrice), Antonella Sica (regista e manager culturale in ambito audiovisivo e cinematografico), è stato invece assegnato al film EINER VON UNS (Uno di noi) di Stephan Richter (Austria 2015), con la seguente motivazione:

Il film si regge su una dicotomia spaziale che evidenzia una dialettica (mancata) fra due luoghi: il dentro e il fuori di un grande supermercato. Il dentro rappresenta il mondo ordinato e alienante della società dei consumi, il fuori il caos sbandato da essa generato.

Freddo e respingente, "Uno di noi" è un gelido affresco del vuoto sociale in cui i personaggi vivono, senza un posto dove stare né un lavoro da svolgere: senza identità, quindi. Il parcheggio del supermercato è l’unico (non) luogo di questi adolescenti senza scopo, mentre l’interno è a loro interdetto. Nel momento in cui tenteranno di violarne lo spazio, la tragedia.

La fotografia sottolinea con inquadrature esteticamente perfette le atmosfere rarefatte del supermercato e la freddezza grigia della vita al suo interno. meravigliose, simmetriche, calibrate al dettaglio. In netto contrasto con la vita vera di questi giovani sbandati che, invece, viene restituita attraverso una regia che prevede una camera a mano più sporca e movimentata. Ottima scelta e ottima fotografia. A livello di scrittura è un film solido, con pochi dialoghi a sottolineare il vuoto relazionale dell’esistenza dei protagonisti. Attori giovani ma capaci.

Cineuropa è media partner dell'evento.

 

INFO FESTIVAL NUOVO CINEMA EUROPA: 010 8567448 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. | www.fnce.it

https://www.facebook.com/FESTIVAL-NUOVO-CINEMA-EUROPA-172772382777016/?fref=ts